A.A.A. Giocatori e giocatrici cercasi!!!



Se portate sempre un frisbee in spiaggia, ma siete stufi di tirarlo in testa ai bagnanti, se amate stare all'aria aperta, se vi piace lanciare ma non sapete che cos'è un "hammer" o un "3 dita", se pensate che sport e divertimento possano andare a braccetto, cosa aspettate a contattarci??

NOTA BENE: questo Blog è ormai un archivio, per info aggiornate siete pregati di visualizzare la nostra pagina su Facebook!

lunedì 16 giugno 2008

Ultimate a Settimo Torinese!


La famiglia si allarga!
Ebbene sì, inaspettatamente abbiamo scoperto che in quel di Settimo Torinese un gruppo di valorosi, attivi nell'associazionismo, sta muovendo i primi passi nel mondo dell'Ultimate e tutto questo grazie ai giochi da tavolo: merito di Angelo Porazzi, ex nazionale open nel lontano 88, ideatore di un nuovo gioco , vera e propria trasposizione su tavolo dell'ultimate. Ci siamo trovati al Parco De Gasperi di Settimo, dove Rita, Luca, Fabio ed io abbiamo incontrato un gruppo ben nutrito di autoctoni desiderosi di affacciarsi al mondo del frisbee. Abbiamo così improvvisato una partita 7 vs 7 in un campo da calcio a 5 e, al di là del caos derivato da una densità così alta di giocatori in un campo così piccolo, ci siamo divertiti tutti tantissimo e abbiamo posto le basi per una solida collaborazione tra i Beefree di Torino e la neonata squadra di Settimo, i SurfTurtles. Qualcosa si muove nel sonnolento hinterland torinese, benvenuti SurfTurtles!

martedì 3 giugno 2008

CIU OPEN 08


SOLO NOI , SOLO NOI!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Resoconto dei Campionati Italiani 08 ad Imola

Here we are, i beefree partecipano per il secondo anno consecutivo ai CIU open, questa volta organizzati dai Cani e Porci, la squadra di Imola.
L'assenza di Gabrielino, Andrea e Albi ed i vari infortuni dell'ultimo periodo non fanno ben sperare, ma il buon risultato al torneo di Como è stato un vero e proprio toccasana e tutto sommato si parte sereni, sicuri se non altro di essere in continua crescita.
Si fugge venerdì sera da una Torino ancora alluvionata, con la speranza di un week end di sole per dimenticare le due settimane di diluvio universale; il welcome party non brilla per emozioni, due parole con chi è già arrivato, si montano le tende, ci si orienta nel Centro Sociale La Tazzona e, comunque a notte fonda, si va a nanna.
La prima partita è alle 10 di sabato mattina, subito una di quelle sfide dal risultato certo, i cugini milanesi (Salutami'ntonio 1) ci asfaltano come al solito e in 45 minuti usciamo dal campo con un bel 4 – 14, giusto per ribadire che il divario è ancora incolmabile; stessa sorte per la partita contro i Cani e Porci di Imola, un secco 2 – 11; poco da dire, è chiaro che si tratta di due squadre con molta più esperienza, atleticità e sinergie: tra i beefree affiorano le solite incomprensioni che rovinano un'atmosfera altrimenti piacevole, iniziamo le classiche discussioni, molte utili, altre sterili; c'è da dire che anche se nessuno sembra accorgersene, la coesione è molto superiore rispetto all'anno scorso. La terza ed ultima partita è prevista per le 19 ed ognuno di noi occupa il tempo a disposizione nei modi più svariati, c'è chi discute di politica e decrescita, chi si pianta davanti alla tv e si gode il giro d'Italia, chi si lobotomizza davanti alla playstation, chi si sloga i polsi al calciobalilla e chi si fa una bella pennica.
L'ultima partita della giornata è importantissima, si gioca contro gli Ultimate Pirates, squadra di Viareggio, già si sa che sia noi che loro faremo parte del girone per le posizioni dalla 9a alla 17esima, quindi chi vince delle due si porterà il risultato anche nel girone di domenica: si prospetta una bella sfida, entrambe le squadre sanno che non c'è una favorita, insomma, si gioca quasi ad armi pari, il quasi è d'obbligo, i pirati si ritrovano infatti a giocare senza sostituzioni, e ciò alla lunga avrà il suo peso: partita molto intensa, molto pulita, e molto divertente, la nostra difesa a zona è efficace, pochi gli errori e alto il tasso di concentrazione da parte di tutta la squadra, peccato per la penosa discussione in campo tra Enrico e Marco,che per fortuna non pregiudica il gioco nè le sinergie tra i beefree. La partita finisce con i Pirates che perdono di un solo punto (8-9): da cineteca la scenetta in cui i toscani segnano l'ultimo punto ed esultano convinti di aver guadagnato il diritto di giocare il cap, peccato che il regolamento sia diverso: una volta finito il tempo si deve terminare l'azione e solo in caso di parità si deve andare al cap, dalle stelle alle stalle, i viareggini si deprimono un po' e si vede che soffrono, la sfida contro di loro continua e la prossima volta per noi sarà ancora più dura, vero Tazza?
Tutti a cena: cibo buono ed ettolitri di vino, la tipica ospitalità romagnola, partono cori da stadio un po' atipici ("solo noi, solo noi, il celiaco ce l'abbiamo solo noi!!!!), si lanciano avanzi di cibo da un tavolo all'altro e poi, mentre la maggioranza se la gode al party con musica dal vivo, i rappresentanti dei vari club si chiudono in uno stanzino e si confrontano in una interessante riunione fiume sui primi sei mesi di operato della FIFD.
Domenica alle 9 di nuovo in campo, ecco il girone: Beefree, Cus Bologna D, Bintars, Pirates e Voladora. Abbiamo già una vittoria, quella contro i Pirates di sabato; contro i Cus C ed i Bintars vediamo di non stancarci troppo, sappiamo di essere più forti e sappiamo che la vera sfida sarà alle 13, sotto il solleone, contro i Voladora. Comunque sia i CusB C ci fanno faticare più del previsto (vinciamo 8-6), giochiamo abbastanza male e sicuramente non brilliamo per razionalità nell'applicare gli schemi, i bolognesi sono quasi tutti giovani ed hanno un margine di crescita enorme. Contro i Bintars facciamo riposare il povero Dario ormai ribattezzato Achille per via dei talloni massacrati e la pelle marcia che gli impedisce di deambulare tranquillamente: giochiamo male, ma proprio male, nonostante ciò il divario rimane enorme e vinciamo senza stressarci troppo (11-4), encomiabile la squadra di Codroipo: tutti giovani, ottimo spirito, molto ben organizzati (invidia vederli con sponsor, divise ed omaggi della loro regione). Un'ora di pausa, caldo che ci sfianca e alle 13 sotto un bel sole cocente ci ritroviamo in campo contro i Voladora di Parma, contro cui avevamo perso nella passata edizione dei CIU pur avendo 3 innesti di alto livello in squadra.
Altra partita giocata al massimo della concentrazione, pochi gli errori, sempre meno i dischi che ci cadono di mano in ricezione, maggior freddezza e quindi un gioco più razionale; punto a punto fino alla fine, sempre buono lo spirito e con l'ultima meta segnata da Davidone come per magia i beefree si conquistano (9-8) il diritto di giocare la finalina per il nono posto.
Siamo tutti su di giri, Luca è il più commosso e tutti abbiamo dei gran sorrisi, peccato che non ci sia tempo, appena poco più di un'ora e si gioca contro la vincente tra Extradry e Frasbadallac. Di corsa a pranzare, giusto un'insalata per non appesantirci, proprio in compagnia dei futuri avversari, i fratelli comaschi che hanno sconfitto gli Extradry. Di nuovo in campo, di nuovo un caldo che ci appesantisce, di nuovo contro la frasba che avevamo sconfitto di un punto al torneo Missuldisc di poche settimane prima. Entrambe le squadre sanno che sarà una sfida da giocarsi fino all'ultimo punto, che sarà dura, che il risultato è veramente incerto. I beefree sono carichi, forse troppo, in pochi minuti subiamo un parziale di 3 punti, incredibilmente non ci scoraggiamo, rimaniamo concentrati e ancora più incredibilmente ci portiamo sul 4 a 3 per noi, 6 – 4 ancora per noi, poi altro back out, 9 -7 per la frasba, e poi...e poi forse il momento che più incarna lo spirito dell'ultimate (almeno per come lo vivo io): subiamo fallo e Pepo prende il disco, io scatto in meta sulla linea laterale e faccio meta; pochi secondi dopo "the time is over", abbiamo quindi ancora il diritto di giocare un punto in difesa, se recuperiamo il disco e segniamo, si va al cap. Mi alzo in piedi e vedo la faccia di Beppe, che mi stava marcando, che con un'espressione un po' dispiaciuta mi dice "Enrico, questa però te la devo contestare": secondo lui ero scattato prima del check del disco e quindi la meta non era valida.
In qualsiasi altro sport, in molti altri contesti, ne sarebbe nato un putiferio indescrivibile, prevaricazioni verbali, insulti ed incazzature varie, nell'ultimate no: parliamo un po', tutti quanti tentiamo di chiarire quanto successo e dato che non si trova un accordo, pur sapendo che ciò per i beefree significa sconfitta, si ripete l'azione, segniamo comunque ma oltre lo scadere, quindi alla fine perdiamo 9 a 8. Ovvio che dispiaccia, ovvio che a me rimanga ancora l'incertezza, ma che importanza ha? Assumendo la buona fede del mio avversario, l'azione era dubbia, quindi era giustissimo ripeterla, vale molto di più uscire dal campo rispettando l'avversario e stringendogli sinceramente la mano che discutere, magari aggredendolo anche solo verbalmente, grandi beefree, grandi frasba!
(Per Beppe: d'ora in poi per quanto mi riguarda tu sarai "chiamata marcia"!!!)

Concludendo: i beefree si piazzano al decimo posto, ben al di sopra delle previsioni: ormai ci siamo giocati il bonus della sorpresa, non siamo più una squadra da sottovalutare: "schemi zero, lanci meno"? col cavolo, noi si gioca ROCK & ROLL !!!!!

Ecco i risultati delle partite e spirito del gioco
e la classifica dei campionati

Imola, CIU 2008



Eccoci, belli come il sole, alla fine della faticata di Imola, decimo posto finale, bel gioco e bello spirito... grandi ragazzi!
a breve il rosoconto piu' dettagliato, intanto volevo solo farvi notare che
"solo noi, solo noi, il celiaco ce l'abbiamo solo noi!"
Play ultimate!!!