A.A.A. Giocatori e giocatrici cercasi!!!



Se portate sempre un frisbee in spiaggia, ma siete stufi di tirarlo in testa ai bagnanti, se amate stare all'aria aperta, se vi piace lanciare ma non sapete che cos'è un "hammer" o un "3 dita", se pensate che sport e divertimento possano andare a braccetto, cosa aspettate a contattarci??

NOTA BENE: questo Blog è ormai un archivio, per info aggiornate siete pregati di visualizzare la nostra pagina su Facebook!

sabato 30 aprile 2011

Paganello 2011

Report della Coppa del Mondo per Club su spiaggia:

1) Magic Toast - arriveranno quinti, non sembrano fortissimi ma ci
battono piuttosto easy senza sforzarsi. Noi siamo ancora un pò
indurmenti ma non troppo, giochiamo decentemente e finiamo con un
distacco non enorme (tipo 6 punti), tenendo però sempre svegli gli
avversari

2) Frizzly Bears - si devono sforzare più dei primi, ci battono con un
distacco simile, noi continuiamo ad impratichirci alla condizione
sabbia. Giochiamo sempre benino, ma non abbastanza

3) Corocotta - si è alzato un vento del demonio, molti di noi non
riescono a lanciare neanche decorosamente. Gli avversari vengono da
Santander (poco ventoso, mi dicono) e si allenano regolarmente su
sabbia. Arriveranno sesti, impartendoci una renga senza senso (14-1),
per limitarli non ci resta che adottare a metà partita una indegna
tattica huck&D. Gli chiediamo una rivincita a Torino, il 15 di luglio,
con 35 °C e 100% di umidità

4) Strand Mixer - prima vittoria del torneo, partiamo bene, e poi
riusciamo a mantenere il distacco per tutta la partita (quindi buona
la concentrazione). I loro uomini non sono granché, quindi cercano di
giocare spesso con 3 donne, ma non gli giova molto

5) STD - si alza di nuovo un pò di vento, ma l'allenamento del giorno
prima già fa vedere i suoi frutti, anche se comunque di errori se ne
vedono. Giochiamo piuttosto bene una partita punto a punto, le ragazze
cominciano a farsi vedere un pò di più mettendo in difficoltà quelle
degli avversari. Sul finale gli inglesacci allungano, ma noi gli
teniamo il fiato sul collo, e la vincono solo di 1 al cap. Peccato!

6) Nazionale Polacca - una partita sulla carta persa, decidiamo di
accantonare la mentalità perdente e inaspettatamente ci troviamo
subito sopra di 4, complice anche l'assenza di vento che ci toglie
parecchie difficoltà. Basterebbe fare i nostri punti per portarla a
casa, ma purtroppo per riuscirci siamo costretti a mantenere un
livello di intensità un pò al di sopra delle nostre possibilità, e i
polacchi ci erodono pian piano il vantaggio. All'ultima meta manca
veramente un soffio al punto della vittoria. Ahimé, lo segnano loro,
ed è la seconda persa di pochissimo

7) Gert Lush - di nuovo una squadra teoricamente più forte, di nuovo
senza vento. Non ci prendiamo subito il vantaggio, ma giochiamo punto
a punto. Facciamo un paio di errori in più degli avversari, che
potrebbero approfittarne e prendere il largo, ma non ci diamo per
vinti e teniamo botta fino in fondo, mantenendo basso il distacco, che
tuttavia premia sempre gli avversari. Anche stavolta mancava
pochissimo (2 punti) ma finisce ancora male per noi

8) Ulm bla bla (non mi ricordo il nome) - quarto di finale, dobbiamo
dimostrare che le partite perse per un soffio non sono state un caso.
Siamo un pò contratti, la brezzolina ritornata non aiuta, e sbagliamo
più del dovuto. Tuttavia la superiorità si vede, e vinciamo di 2-3
punti

9) Liquor&Cleats - i maledetti ubriaconi americani ci fanno
chiaramente capire che se non fossero stati cappottati ci avrebbero
allegramente asfaltato. C'è di nuovo vento deciso, e forse
l'atteggiamento avversario non aiuta la concentrazione, perché
sbagliamo molto e in modo piuttosto stupido, trovandoci subito sotto
di qualche punto. Non riusciamo a risvegliarci, e gli americani,
tecnicamente più forti, se la portano a casa senza troppa fatica

10) Strand Mixer - ritroviamo i nostri amici viola. Siamo piuttosto
scarichi, dopo un risveglio lento e poco convinto. Infatti la partita
è più dura di quella del sabato, rischiamo fino all'ultimo di
perderla, finché decidiamo di mettere più intensità in difesa e
pressione sulle ragazze, che decisamente soffrono le nostre. Facciamo
un pò fatica ad uscire dalla loro zonetta, ma alla fine la portiamo a
casa (di 1). Il torneo finisce con una vittoria:buon auspicio per il
futuro!

Scritto da Corio

PS mentre i Beefree navigano nella parte bassa del tabellone, Andreino, giocando col Cotarica nella divisione open, approda in finale e, dopo aver sconfitto UTI e Cusb, perde con onore contro Los Rabbits, formazione all star statunitense!
Play ultimate!!!