A.A.A. Giocatori e giocatrici cercasi!!!



Se portate sempre un frisbee in spiaggia, ma siete stufi di tirarlo in testa ai bagnanti, se amate stare all'aria aperta, se vi piace lanciare ma non sapete che cos'è un "hammer" o un "3 dita", se pensate che sport e divertimento possano andare a braccetto, cosa aspettate a contattarci??

NOTA BENE: questo Blog è ormai un archivio, per info aggiornate siete pregati di visualizzare la nostra pagina su Facebook!

lunedì 18 giugno 2007

C'era una volta...


....c'era una volta un cane che scorrazzava gaio e libero per i prati, saltava altissimo e scondinzolava a chi gli lanciava l'osso;
se il tiro era un po' sbilenco, non abbaiava rancoroso ma si tuffava fulmineo per recuperarlo prima dell'impatto col suolo (in tal senso l'addestramento era stato rigoroso);
sembrava che nulla potesse turbare la gioia del Paese del palaisozaki, la torre maratona si stagliava sempre maestosa contro l'azzurro cielo, pochi erano i cani rivali ed, appunto, tutto scorreva come nel migliore dei mondi possibili.
Ma un giorno, chi prima si limitava a lanciare quel cane di razza, si svegliò con una sensazione di caldo inconsueta per la stagione, si riscoprì a dinoccolare a quattro zampe fino allo specchio dell'armadio (a quello del lavandino proprio non ci arrivava) e vide riflesso un inaspettato ed irsuto pelo su tutto il corpo, provò a proferire una bestemmia di stupore, ma tutto quello che ne uscì fu un preoccupante latrato di disappunto. Incredulo di cotanta metamorfosi tentò il classico rimedio del pizzicotto, convinto che fosse l'unico possibile per uscire da quel sogno surreale. Già, ma come fa a pizzicarsi un cane? Ed infatti, dopo aver saggiato la potente dentatura sulla propria zampa, ottenne solo un inutile guaito.
La disperazione toccò picchi mai raggiunti e di spiegazioni razionali non ne trovò alcuna, fin tanto che la sua vista monocromatica non si posò infine su di uno strano oggetto, un adesivo appoggiato sul comodino: riconobbe una strana figura, un ancestrale essere col corpo della dea Kalì e la chioma rigonfia e cotonata; vide cosa teneva la dea tre le molteplici mani e capì d'istinto cos' era successo: giorni prima si era lamentato del suo ruolo di lanciatore d'ossi, era stufo di non poter zompare a destra e a manca, libero come un randagio, per afferrare l'ambito premio e guardava con invidia quel cane che riceveva tutte le attenzioni; così avvenne che la Maledizione dei Frasba lo colpì ed il suo desiderio reso reale.
Non era triste, tutto sommato aveva ricevuto in dono ciò che più ambiva, e iniziò a scodinzolare, pregustando il prato, il pelo luccicante al sole, i muscoli in tensione prima del salto e assaporava già il gusto dell'osso afferrato al volo.
Non aveva però fatto i conti con la rivalità insita nell'altro cane, per nulla felice di trovare un concorrente, un osso è indivisibile, la gloria anche, e la lotta sarebbe stata durissima.
Dal palaisozaki bisognava trasferirsi al magico mondo del CIU, dove il gioco sarebbe stato fino all'ultimo osso, e i due rivali si sarebbero dati battaglia, a meno che uno dei due non si fosse magicamente reso indisponibile, bisognava quindi agire, ed il prima possibile.
E così avvenne: il cane geloso attese il momento propizio ed allorquando l'ultimo arrivato spiccò il salto ed afferrò l'osso, simulò una rovinosa caduta e gli caracollò sulla zampa posteriore destra con tutto l'impeto di cui disponeva.
La maledizione si era compiuta, il lanciatore si era sì, trasformato in un cane valoroso, ma ahilui, si ritrovò azzoppato ancor prima di godere della trasformazione.

Tutta sta manfrina per dirvi che sto andando avanti a prodotti omeopatici e pomate per recuperare l'uso della gamba che il buon vecchio albi ha pensato bene di tramortire.
Ovvio che non sono incazzato, (ALBI SEI UN BASTARDOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!), cose che capitano, spero di rimettermi in sesto in tempo per venerdì, anche se le speranze son proprio pochine!
Ci si vede, o meglio vi vedrò, all'allenamento di mercoledì, perchè non giocherò, il veterinario è stato lapidario: riposo assoluto, arnica a profusione, chili di pomate e ceri accesi a buddha, kalì, visnu e shiva.
ciao belli!
bau
enrico

Ps comunque se sck decidesse di unirsi a noi non sarebbe una cattiva idea, non si può certo dire che la nostra tenuta fisica garantisca abbastanza ricambi al torneo!

3 commenti:

Anonimo ha detto...

cazzo l'unico buono l'ho azzoppato...ops


albi

(ps:per fortuna enri sono piu sintetico di te se no per scrivere una tesi sull'origine del sacro dovevo disboscare l'amazzonia e il borneo)

enrico ha detto...

Vorrà dire che la prossima volta scriverò solo:
"incidente aereo sopra il palaisozaki, tanta paura ed un ferito non grave"; puff, banale, troppo banale!

Anonimo ha detto...

Ciao, come si fa a entrare nella vostra squadra? Grazie

Play ultimate!!!